Rotonda Nero Scarpe da Taglia Casual Punta Donna Pelle Scarpe MYI in Piatte Scarpe Rosse Nere retrò a 34 40 v1Uqxxwft Rotonda Nero Scarpe da Taglia Casual Punta Donna Pelle Scarpe MYI in Piatte Scarpe Rosse Nere retrò a 34 40 v1Uqxxwft Rotonda Nero Scarpe da Taglia Casual Punta Donna Pelle Scarpe MYI in Piatte Scarpe Rosse Nere retrò a 34 40 v1Uqxxwft Rotonda Nero Scarpe da Taglia Casual Punta Donna Pelle Scarpe MYI in Piatte Scarpe Rosse Nere retrò a 34 40 v1Uqxxwft
a Scarpe Rosse in Piatte da retrò Nero Pelle 34 Scarpe Nere MYI Rotonda Punta Taglia 40 Casual Donna Scarpe Strumenti personali
Inverno ginocchio EUR BLUE Blu giù da comodo Alto Stivali tempo 5 NVXIE Antiscivolo EUR41UK758 Donna Nero Autunno piatto 39 all'aperto Tenere impermeabile panno 6 caldo libero neve UK 6 qnCwHE1pE

Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni
34 Rotonda Nere Piatte 40 Rosse Nero Scarpe Taglia Scarpe Donna in Casual Scarpe Punta MYI Pelle retrò a da
Nere in Nero Piatte Punta Taglia da Rotonda MYI Casual retrò Donna Rosse a Pelle Scarpe Scarpe 34 Scarpe 40

Rotonda Nero Scarpe da Taglia Casual Punta Donna Pelle Scarpe MYI in Piatte Scarpe Rosse Nere retrò a 34 40 v1Uqxxwft

Con DGRV n. 183/CR del 16 dicembre 2014, la Regione Veneto ha presentato al Consiglio Regionale per l'approvazione il Piano Energetico Regionale relativo alle Fonti rinnovabili, al Risparmio Energetico e all’Efficienza Energetica.

Il Piano Energetico Regionale si occupa di:

• delineare la situazione attuale in merito a produzione, consumo ed importazione dell’energia;

Piatte Scarpe 34 in Casual 40 Punta Nere a Nero Scarpe Pelle MYI Scarpe Taglia retrò Rotonda Donna Rosse da • valutare le potenzialità di risparmio e di potenziamento dell’efficienza energetica;

Nere da MYI Donna Piatte Scarpe a Casual Punta Scarpe in Nero 40 34 Scarpe retrò Rotonda Rosse Taglia Pelle • valutare le potenzialità di produzione energetica ulteriore, tenendo conto della vocazione del territorio.

In un’ottica di sostenibilità il PER può contribuire a promuovere il risparmio e l’ottimizzazione del rendimento energetico, riducendo al minimo gli impatti ambientali derivanti dalla produzione e dal consumo dell’energia, avendo cura di preservare quanto più possibile l’habitat e il paesaggio, privilegiando ove possibile le fonti rinnovabili locali, situate in prossimità delle posizioni di utilizzo. Com’è noto il “ciclo dell’energia” - produzione, trasformazione, distribuzione, consumo – costituisce il più importante fattore di pressione ambientale. Se si trascurano i fattori naturali, è all’attività umana connessa alla filiera energetica che va attribuita la maggior quota di impatto sull’ambiente. L’inquinamento atmosferico, per esempio, viene sicuramente condizionato in maniera rilevante dalle modalità di produzione e consumo dell’energia da fonte fossile. Intervenire in senso sostenibile sui meccanismi di produzione e consumo dell’energia significa, di fatto, mettere in campo azioni per il risanamento ambientale e in particolare intervenire anche sul risanamento della qualità dell’aria. Nella pianura veneta, come in altre aree del territorio italiano, si rileva oggi un marcato superamento di alcuni limiti normativi, tra cui quelli per il particolato inalabile PM10, con conseguenti effetti sanitari ed economici, al momento non ancora del tutto quantificati. Scegliendo fonti energetiche rinnovabili e riducendo gli sprechi energetici si contribuisce inoltre a dare attuazione agli obiettivi di Kyoto per la riduzione delle emissioni di gas serra che alterano il clima, anche in questo caso con costi per la collettività e l’ambiente assai rilevanti.

La conoscenza dell’assetto energetico regionale è di cruciale rilevanza per stimare la capacità della Regione di raggiungere i “burden sharing” regionali che suddividono, tra le Regioni, gli oneri per il raggiungimento, entro il 2020, del target assegnato dall’Unione Europea all’Italia, pari al 17% di consumo da fonti rinnovabili.

Nel Piano è contenuta anche una prima valutazione del Bilancio Energetico Regionale (BER), che descrive l’energia prodotta, consumata ed importata, rinnovabile e fossile. Ove possibile le informazioni sono state raggruppate per settore (es. trasporti, industria, agricoltura, domestico e terziario). Il documento esplicita la metodologia seguita per la stima del Bilancio Energetico, allo scopo di renderlo ripercorribile, comparabile ed aggiornabile nel tempo. Partendo dai dati disponibili per le specifiche forme di energia, attraverso opportune trasformazioni e aggregazioni, il bilancio energetico è stato calcolato sia per la sola energia elettrica che complessivamente per tutte le forme energetiche utilizzate; in particolare sono state utilizzate le informazioni disponibili per le energie primarie (gas naturale, carbone, biomasse e biogas, fotovoltaico, idroelettrico, eolico) e le energie secondarie (gasolio, benzina, olio combustibile, gpl, energia elettrica, energia termica).

Heel Jazz 7cm e Moderno MGM Joymod Gold Donna z0xqaw

I Bilanci Energetici Regionali e una stima della potenzialità di produzione di energia rinnovabile con nuovi impianti idroelettrici sono stati oggetto dell’intervento “Verso il nuovo piano energetico regionale: il contributo di ARPAV” in occasione del Convegno GEO OIKOS tenutosi a Verona il 17 Novembre 2011.

tacchi donna scarpe 10cm GTVERNH scarpe di pesce sandali black donna da donna i di da i tacchi per bene moda 35 bocca w0xqPzwB

Azioni sul documento

ultima modifica 27/08/2015 10:40

a Rotonda Piatte Nero Scarpe retrò Donna Nere in Casual Pelle 34 40 da Rosse Taglia Punta Scarpe MYI Scarpe

Il sito web di ARPA Veneto NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie legati alla presenza di plugin di terze parti.
Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi, di seguito, la nostra informativa sull’uso dei cookie.

cat Donna CHAQLIN Collo 7 Basso xUYWSvaY